#10 Silent night, bloody night

Proto-slasher piuttosto interessante, oscuro e sinistro: archetipico di un certo modo di fare horror tra personaggi, scenari e situazioni tipicamente americane. Un cult molto valido e, nel suo genere, da riscoprire ancora oggi (solo in inglese). Recensione

 

LEGGI ANCHE:  La morte avrà i suoi occhi (1987, A. A. Seidelman)

Pagine 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16

06/07/2018