#8 Strange Circus

Coinvolgente e decisamente disturbante (sfido chiunque a proseguire la visione entro la prima mezz’ora). Per il pubblico dallo stomaco d’acciaio, s’intende, un’opera perfetta e riuscitissima, che metaforizza l’esistenza come se fosse un’esibizione circense. Da giudicare dopo averlo visto per intero o, in alternativa, rinunciare del tutto all’impresa fin dall’inizio. Recensione qui

LEGGI ANCHE:  La morte cammina con i tacchi alti (L. Ercoli, 1971)

Pagine 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16

06/07/2018