L’angelo sterminatore (L. Buñuel, 1962)

Gli ospiti di una cena esclusiva si trovano nella singola condizione di non potersene andare dal ricevimento, rimanendo bloccati all’interno e dando progressivamente manifestazione ad una natura feroce e crudele. In breve. Una satira surreale e incisiva contro il mondo borghese e le sue convenzioni. Attuale e godibile ancora oggi. Incluso nella lista dei migliori […]

Carnival of souls (Herk Harvey, 1962)

L’organista Mary Henry è miracolosamente sopravvissuta ad un incidente stradale; poco dopo decide di lasciare la città per cambiare lavoro… In breve. Archetipo di horror tra il sovrannaturale e l’onirico, giocato esclusivamente su suggestioni e sottintesi; un lynchiano ante-litteram che molto ha influenzato il genere in seguito. Non per tutti i palati ma notevolissimo, soprattutto […]

Mondo cane (G. Jacopetti, 1962)

“Mondo cane” è, in qualche modo, lo specchio della società morbosa in cui viviamo, quel mondo cinico e spietato in cui il culto dell’apparenza è diventato predominante rispetto alla verità. Quel mondo di reality da zombie in cui mostrare l’orrore è sinonimo di pienezza di vita, quel mondo in cui la forma ha definitivamente sopraffatto […]