Cose preziose (Fraser Heston, 1993)

Un negozio di antiquariato apre nella piccola cittadina di Castle Rock, nel Maine: l’antiquario è un uomo affabile ed elegante in grado di procurare alle persone ciò che hanno sempre voluto. Ma quale sarà il prezzo da pagare? In breve. Un horror televisivo dalla forma semplice e scorrevole, che possiede come unico difetto una lunghezza […]

Barbara, il mostro di Londra (Dr. Jekyll & Sister Hyde, 1971, R.W. Baker)

Il segreto della vita: è questa l’ossessione del dottor Henry Jekyll, trafugatore di cadaveri di giovani fanciulle al fine di effettuare i propri esperimenti. In breve. Originale trasposizione cinematografica della Hammer del romanzo Lo strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde di Stevenson. Numerose le trovate interessanti, specie quelle sulla duplice sessualità del […]

Creepshow (G. Romero, 1982)

Un ragazzino viene rimproverato dal padre per via di un fumetto dell’orrore; le storie a episodi sono quelle lì contenute … In breve. Squisita perla di teenage horror anni ’80 puro e semplice, semplice quanto innovativo nella sua forma: in tutto 5 episodi più uno “di contorno”, dalla qualità buona, ricci di humour nero e […]

Il gioco di Gerald (M. Flanagan, 2017)

Nella speranza di salvare un matrimonio a pezzi, Jessie e Gerald Burlingame si recano in vacanza nella casa di lei sul lago. Gerald muore improvvisamente durante un gioco sessuale, lasciando la consorte ammanettata al letto… In breve. Adattamento cinematografico decisamente coinvolgente dal celebre romanzo kinghiano; c’è spazio per introspezione, paura, e la scoperta di un […]

Oltre il guado (Across the river, L. Bianchini, 2013)

Un etologo sta seguendo alcune tracce nelle foreste sperdute tra Fruili e Slovenia, monitorando gli animali che attraversano la zona. Una telecamera montata sul corpo di una volpe gli mostra una località sconosciuta, apparentemente abbandonato, giusto oltre il fiume… In breve. Notevole horror recente italiano che non ha nulla da invidiare alle produzioni più blasonate. […]

“Mamma, ho perso l’aereo”: ma Kevin è morto?

Davvero considerevole la fan theory che è iniziata a circolare sul sito TheDailyBeast, e che propone una singola spiegazione alla capacità di Kevin – il giovane protagonista del celebre film “Mamma, ho perso l’aereo!” – di proteggere egregiamente la propria casa, proprio mentre tutta la sua famiglia è lontana da casa. In realtà, come ogni […]

Silent Night, Deadly Night – Natale di sangue (Charles E. Sellier Jr., 1984)

Il giovanissimo Billy Chapman, dopo aver parlato con il nonno (o aver immaginato di averlo fatto), diventa ossessionato dal lato punitivo di Babbo Natale; poco dopo, rimane traumatizzato da un killer vestito da Santa Claus, che uccide entrambi i genitori davanti ai suoi occhi. Cresce così in un orfanotrofio… In breve. Un classico dell’horror natalizio, […]

Identità (J. Mangold, 2003)

Dieci estranei si incontrano casualmente in un motel; poco dopo un killer inizia ad uccidere… In breve. Senza troppi inutili giri di parole, uno dei migliori thriller mai realizzati. Identità è probabilmente uno dei migliori e più rilevanti thriller usciti agli inizi del nuovo millennio, e questo soprattutto per la sua struttura narrativa: un incastro […]

Silent night, bloody night (T. Gershuny, 1972)

Una casa utilizzata come manicomio viene rimessa in vendita, 20 anni dopo, dall’unico erede rimasto; contemporaneamente un killer internato altrove riesce a scappare, e non sembra gradire la presenza di ospiti nella casa… In breve. Proto-slasher molto interessante, oscuro e sinistro: archetipico di un certo modo di fare horror tra personaggi, scenari e situazioni tipicamente […]

Carnival of souls (Herk Harvey, 1962)

L’organista Mary Henry è miracolosamente sopravvissuta ad un incidente stradale; poco dopo decide di lasciare la città per cambiare lavoro… In breve. Archetipo di horror tra il sovrannaturale e l’onirico, giocato esclusivamente su suggestioni e sottintesi; un lynchiano ante-litteram che molto ha influenzato il genere in seguito. Non per tutti i palati ma notevolissimo, soprattutto […]

Chi l’ha vista morire? (A. Lado, 1972)

Lo scultore Franco Serpieri riceve a Venezia la figlia Roberta, che abita con la madre ad Amsterdam: dopo la sua scomparsa si ricollega il caso a quello avvenuto anni prima in Francia: un killer in abiti femminili che sembra mirare le bambine coi capelli rossi… In breve. Notevole giallo all’italiana caratterizzato dall’ambientazione cupa ed inquietante […]