Jacques Lacan


AI, spiega Lacan in modo semplice.

Jacques Lacan era uno psicoanalista francese che sviluppò un approccio unico alla psicoanalisi che enfatizza il ruolo del linguaggio (e delle relazioni sociali) nel plasmare la psiche. Le sue teorie sono molto influenti in campi come la letteratura, gli studi culturali e la teoria critica, ma possono essere difficili da comprendere a causa della loro complessità e della dipendenza dalla terminologia tecnica.

La fase dello specchio

Al centro dell’approccio di Lacan c’è il concetto di “fase dello specchio”, che si verifica nei primi mesi di vita di un bambino. Durante questa fase, il bambino inizia a riconoscere il proprio riflesso in uno specchio e diventa consapevole di se stesso come essere separato e distinto. Tuttavia, questo riconoscimento è incompleto e frammentato e il senso di sé del bambino è modellato dal modo in cui si vede riflesso negli occhi degli altri.

Lacan ha sostenuto che il soggetto umano è fondamentalmente diviso, con la mente cosciente (l ‘”ego”) che cerca costantemente di conciliare le esigenze contrastanti della mente inconscia (l’”id”) e la realtà esterna (il “superego”). L’ego cerca sempre di raggiungere un senso di unità e completezza, ma questo è un compito impossibile perché l’inconscio tira costantemente in direzioni diverse e le nostre relazioni sociali cambiano costantemente.

Reale, immaginario e simbolico

Nella sua teoria, Lacan distingue tre ordini della realtà, ovvero il reale, il simbolico e l’immaginario.

  1. Il reale: il reale è l’ordine della realtà che non può essere rappresentato nella coscienza e che rimane sempre al di fuori delle nostre categorie di pensiero. Il reale è l’inconscio, il desiderio e le pulsioni irrazionali che influiscono sul nostro comportamento.
  2. Il simbolico: il simbolico è l’ordine della realtà rappresentato dai simboli e dalle parole che utilizziamo per nominare le cose. La lingua è la chiave per accedere all’ordine simbolico e per comprendere il mondo.
  3. L’immaginario: l’immaginario è l’ordine della realtà rappresentato dalle immagini e dalle rappresentazioni mentali che noi costruiamo del mondo. L’immaginario è il modo in cui noi ci rappresentiamo noi stessi e gli altri e il modo in cui costruiamo le nostre relazioni con gli altri.

Prendiamo ad esempio il film “Inception” di Christopher Nolan:

  1. Il reale: Nel film, il reale può essere rappresentato dalla realtà fisica in cui vivono i personaggi, inclusi gli elementi dell’azione, dell’ambientazione e delle conseguenze concrete delle loro azioni. Ad esempio, le città, gli edifici e gli oggetti rappresentano il reale.
  2. L’immaginario: L’immaginario è rappresentato dalle proiezioni mentali create dai personaggi all’interno dei loro sogni o della mente stessa. In “Inception”, le immagini e gli eventi che i personaggi sperimentano nei loro sogni costituiscono l’immaginario. Le relazioni personali e le esperienze emotive all’interno dei sogni possono essere considerate aspetti dell’immaginario.
  3. Il simbolico: Il simbolico può essere rappresentato dalla struttura e dalle regole che governano il mondo dei sogni nel film, così come dalle regole e dalle convenzioni che i personaggi devono seguire per raggiungere i loro obiettivi. Il concetto centrale dell’”inception”, ovvero l’inserimento di un’idea nella mente di qualcuno senza che questa ne sia consapevole, rappresenta un aspetto simbolico del film. Inoltre, il totem che ciascun personaggio utilizza per distinguere la realtà dai sogni può essere considerato un simbolo importante nel contesto della trama.

Attraverso questi tre registri, “Inception” esplora i confini tra realtà e sogno, esamina le percezioni soggettive della realtà e offre una riflessione sul potere del simbolismo e della mente umana.

Lacan ha anche sottolineato l’importanza del linguaggio nel modellare il nostro senso di sé e il nostro rapporto con il mondo. Ha sostenuto che usiamo il linguaggio per comunicare i nostri pensieri e sentimenti, ma anche per oscurare e ingannare noi stessi e gli altri. Il linguaggio è uno strumento cruciale per la costruzione del significato, ma impone anche limiti alla nostra comprensione e crea fraintendimenti.

In sintesi, l’approccio di Lacan alla psicoanalisi sottolinea il ruolo del linguaggio e delle relazioni sociali nel plasmare la psiche, e le divisioni ei conflitti inerenti all’interno del soggetto umano. Sebbene le sue teorie possano essere difficili da comprendere, hanno avuto un’influenza significativa nel campo della psicoanalisi e continuano a essere dibattute e discusse da studiosi e professionisti oggi.

Il sinthomo

(i neologismi di Lacan sono numerosi e rendono affascinante la sua scrittura perchè, di fatto, fanno riferimento a principi base: sinthomo, ad esempio, oppure lalingua per riferire il principio universale di qualsiasi lingua) il concetto di “sinthomo” si riferisce a una sorta di nodo o punto di convergenza tra i tre registri fondamentali della psiche umana: il reale, l’immaginario e il simbolico.

Questi tre registri sono concetti chiave nella teoria lacaniana, come abbiamo visto:

  1. Il “reale” rappresenta ciò che esiste al di là della simbolizzazione e dell’immaginazione, è l’irriducibile e inafferrabile nucleo dell’esperienza umana, caratterizzato da una mancanza di completezza e da una resistenza alla simbolizzazione.
  2. L’”immaginario” si riferisce al registro delle immagini, delle rappresentazioni mentali, delle identificazioni e delle relazioni interpersonali. È il livello della percezione e dell’immaginazione che contribuisce alla formazione dell’identità e delle relazioni sociali.
  3. Il “simbolico” è il registro del linguaggio, della cultura, delle norme sociali e delle convenzioni che organizzano e regolano l’esperienza umana attraverso il simbolo e il significato condiviso.

Il “sinthomo”, introdotto da Lacan nella sua ultima fase, rappresenta un elemento singolare che tiene insieme questi tre registri senza risolvere le tensioni o le contraddizioni tra di essi. È una sorta di nodo che incarna l’irriducibile complessità e l’ambivalenza dell’esperienza umana. Il sinthomo può essere visto come una forma di soluzione creativa o di compromesso che emerge dalle dinamiche psichiche individuali, senza essere completamente riducibile a nessuno dei registri predefiniti di Lacan.

Quindi, quando Lacan afferma che il sinthomo tiene uniti il reale, l’immaginario e il simbolico, si riferisce al fatto che questo concetto rappresenta una sorta di punto di intersezione e tensione tra i diversi aspetti della psiche umana, senza che nessuno dei tre registri prenda il sopravvento o si risolva completamente negli altri.

Il nodo borromeo

Il nodo Borromeo è il modo di Lacan per rappresentare formalmente la struttura della soggettività umana, il “supporto del soggetto”, per usare le parole del Seminario XXIII Il Sinthomo. In matematica un nodo è una branca della topologia che studia le curve chiuse, dalla formulazione complessa e con vari problemi aperti ancora oggi: uno di quelli più interessanti è determinare, ad esempio, un criterio per cui i diagrammi rappresentati di due nodi (le loro proiezioni in due dimensioni) se il nodo è banale o no, ovvero se si scoglie.

Il nodo Borromeo rappresenta l’essere parlante ed è composto dai tre ordini: Immaginario, Simbolico, Reale.

L’ordine Immaginario riguarda principalmente le immagini (sia immaginative che percettive — l’immagine speculare o immagine allo specchio viene percepita), gli io e gli alter-ego, forme, figure, identificazione e disidentificazione, completezza, io ideale, fantasie e sogni diurni qua immagini, lotta per il riconoscimento, rivalità, aggressività, sovraprossimità, narcisismo, ecc.  L’ordine Immaginario è anche dualistico in quanto riguarda due coscienze egoiche che si confrontano senza l’intermediazione del terzo (l’ordine Simbolico, il grande Altro). La dimensione Immaginaria è in altri termini la nostra esperienza diretta della realtà, ma anche dei nostri sogni e degli incubi — è il dominio dell’apparire, di come le cose ci appaiono. La dimensione Simbolica è ciò che Lacan chiama spesso il “grande Altro”, l’ordine invisibile che struttura la nostra esperienza della realtà, la complessa rete di regole e significati che ci fa vedere ciò che vediamo nel modo in cui lo vediamo (e, viceversa, ciò che non vediamo nel modo in cui non lo vediamo).

Il Simbolico è invece l’ordine dei significanti, della Legge, della proibizione, delle regole, del linguaggio, delle istituzioni sociali, ecc. L’Immaginario e il Simbolico costituiscono ciò che pensiamo come la nostra realtà sociale.

Il Reale comprende tutte quelle cose che devono essere represse affinché la nostra realtà Immaginario-Simbolica funzioni. Il Reale è l’ordine del godimento (jouissance), dell’inconscio, della pulsione di morte, del trauma, della contingenza radicale, delle incongruenze e delle lacune.

Il Reale, pertanto, non è semplicemente la realtà esterna, ma è letteramnente impossibile, perchè non può essere né direttamente esperito o simbolizzato. Come tale, il Reale può essere solo conoscibile nei suoi indizi, effetti o scosse, per quanto parziali o soggettivi possano essere.

La realtà è qualcosa di diverso dal Reale, ed è più vicina ad un intreccio tra simbolico e immaginario di cui sopra.

ChatGPT – Versione del 6 febbraio 2024.

Il nostro voto

Lipercubo.it is licensed under Attribution-ShareAlike 4.0 International - Le immagini presenti nel sito sono presentate a solo scopo illustrativo e di ricerca, citando sempre la fonte ove / quando possibile - Questo sito contribuisce alla audience di sè stesso


Il nostro network: Lipercubo.it - Pagare cose online - Trovare l'host .