Vai al contenuto

Le rane

Nelle profonde pieghe di un oscuro teatro, lontano dai riflettori e dai palazzi, si teneva un bizzarro spettacolo. Il suo protagonista era un giullare chiamato Lucian, un uomo di bassa statura e dalla mente aguzza, i cui occhi scintillavano come stelle. Era conosciuto in tutta la regione come l’Istrione.

L’odore di legna bruciata e incenso pesante si mescolava nell’aria mentre i visitatori si riunivano nel suo teatro segreto. Lucian aveva la capacità di catturare l’attenzione di chiunque, facendo danzare le fiamme delle candele con incantesimi e preveggenze. La sua voce risonava come un canto inquietante, narrando storie oscure e profonde che spesso si insinuavano nelle notti dei presenti. Le rane si erano riunite in un coro sinistro vicino ad una piccola pozza d’acqua nei pressi dell’ingresso.

Quella sera andava in scena una storia di giullari e cortigiani che si divertivano a umiliare il prossimo. La storia era incentrata sul personaggio di Hopkin. La folla ascoltava rapita mentre Lucian raccontava di come costui, deriso per la sua bassa statura e la sua voce gracchiante, aveva subito in silenzio, celando odio e sete di vendetta. Gli spettatori non potevano fare a meno di sentire la comprensione del racconto di Lucian che si infilava nelle loro anime, poiché riconoscevano la sofferenza, reprimendola. Ma ciò che Lucian svelò successivamente fece gelare il sangue nelle vene degli ascoltatori.

Raccontò come Hopkin aveva orchestrato una serie di eventi straordinari, spingendo i cortigiani in una sorta di bizzarro rituale che si concludeva con la loro trasformazione in creature grottesche e indifese, molto simili a rane.

Ti potrebbe interessare:  Non sarai sola: il folk horror di esordio di Goran Stolevski sulla condizione della donna

Alla fine del racconto, Lucian guardò la folla con uno sguardo glaciale. Gli spettatori restarono immobili; poi lo spettacolo finì.

Mentre la pioggia iniziava a cadere, spezzando il silenzio, Lucian si alzò e scomparve tra gli alberi, lasciando la folla vagamente scossa.

Pioveva a dirotto.

Qualcuno di loro avvertì una strana sensazione di pelle viscida.

Altri notarono le pupille del proprio vicino: erano diventate completamente nere e sporgenti.

Etimologia istrione

Il termine deriva dal latino “histrionem”, che significa “attore” o “giullare”, e ha una storia etimologica che non sembra includere il greco.. Nel suo significato più ampio, “istrione” è spesso utilizzato per descrivere una persona che si comporta in modo esagerato, teatrale o fuori dal comune, spesso per attirare l’attenzione o per manipolare gli altri.

Nel contesto storico, gli “istrioni” erano attori o artisti di spettacoli teatrali, in particolare nelle antiche rappresentazioni romane. Nel corso del tempo, il termine ha assunto anche una connotazione più negativa, riferendosi a individui che fingono, agiscono in modo eccessivamente drammatico o cercano di ottenere attenzione attraverso comportamenti stravaganti.

In alcuni contesti, “istrione” può essere usato in senso leggero o scherzoso per riferirsi a qualcuno che sta recitando o esagerando, mentre in altri contesti potrebbe avere una connotazione più critica, indicando qualcuno che sta cercando di ingannare o manipolare gli altri attraverso il suo comportamento teatrale.

Il nostro voto
Cosa ne pensi?
[Voti: 0 Media: 0]
Questo sito contribuisce alla audience di sè stesso
Il nostro network informativo: Lipercubo.it - Pagare.online - Trovalost.it.