6 serie TV a dir poco stupefacenti

6 serie TV a dir poco stupefacenti

Tra le serie più avvincenti di sempre ci sono quelle che parlano di droga e di tutto quello che ci gira attorno. Le sostanze stupefacenti rappresentano un aspetto complesso e controverso della nostra realtà sociale, che spesso viene argomentato e trattato in pellicole, fiction e miniserie.

Alcune con connotati più drammatici, altre con atmosfere più soft, queste pellicole sono da guardare almeno una volta nella vita.

Generalmente sono serie TV ricche d’azione ed avventure estreme, dove le armi la fanno da padrone. Non parliamo di sostanze legali e vendibili nel negozio di sotto casa come ad esempio la cannabis light (puoi approfondire su cbdexpress.it), ma di prodotti illegali per cui la gente criminale è disposta a tutto pur di produrre e piazzare nel mercato clandestino per ottenere un ingente ritorno economico.

Se sei quindi curioso di guardare una serie tv a tema droga, allora è giunto il momento di dare uno sguardo ad una o alcune di queste che abbiamo riportato qui di seguito.

Narcos

Al primo posto del nostro elenco non poteva mancare la serie tv Narcos.

Realizzata da Chris Brancato, Carlo Bernard e Doug Miro, si tratta della storia di Pablo Emilio Escobar.

Ambientata negli Anni ’80, la serie racconta l’ascesa e lo sviluppo della cocaina tra l’America e la Colombia. Al centro di tutto questo movimento illegale vi è proprio Escobar, con il cartello di Medellín, grazie al quale le esportazioni della droga proliferano, e il suo impero raggiunge dimensioni inaudite.

La serie è tratta da una storia vera e dal ruolo che questo narcotrafficante ebbe all’epoca per i suoi conterranei, i quali lo seguivano e acclamavano perché convinti che rispetto alle autorità sapesse interpretare meglio i bisogni della gente.

Narcos è una serie tv targata Netflix.

Breaking Bad

Breaking Bad viene considerata ad oggi una delle serie più cool di tutti i tempi, se non la migliore di tutte.

La trama verte sullo sviluppo criminale e sul successo di Walter White, un tranquillo (almeno all’apparenza) insegnante di Albuquerque che scopre di essere affetto da una grave malattia.

Al solo scopo di lasciare la sua famiglia in una posizione economica solida qualora dovesse morire, White inizia a sfruttare le sue capacità di chimico preparando metanfetamine e avvalendosi dell’aiuto di un suo ex studente, Jesse Pinkman.

E così stagione dopo stagione, vedremo un Walter crescere e progredire fino a creare un vero e proprio regno della droga, perdendo di vista il suo scopo originario e scoprendo nuove incredibili sensazioni, come il potere e la libertà.

The Wire

Serie targata HBO, The Wire era in voga nei primi anni 2000, ma ancora oggi riesce ad affascinare gli spettatori per la struttura dei vari episodi.

La trama delle varie stagioni si basa sulla droga e sulla sua diffusione, e soprattutto sul fatto che amplificasse la portata criminale di Baltimora.

Gli sceneggiatori hanno concentrato la propria attenzione sul conflitto tra trafficanti di droga e poliziotti, i quali sono ogni giorno impegnati a scovare ed arrestare gli spacciatori e i criminali.

Tuttavia, per rendere le cose ancora più complesse e ancora più intricate, non mancano i coinvolgimenti personale di questi agenti che dovranno spesso fare i conti con i propri personali demoni.

Lo scopo della serie è raccontare la droga come qualcosa di radicato e istituzionale, qualcosa cioè che non si può distruggere o abolire dalla società nonostante l’impegno dei “buoni”.

Diciamo che la grandezza di questa serie sta nel cogliere il sottile parallelismo tra bene e male, il sottile confine tra buoni e cattivi, che spesso tende a sparire.

Sono stagioni avvincenti concentrati su una città in cui il traffico della droga non accenna ad affievolirsi.

E a contribuire a questa continua lotta vi è in particolare un agente, McNulty, scorretto e fallimentare nella vita privata quanto impeccabile sul lavoro.

Mad Men

Per la serie Mad Men bisogna fare un appunto. Piu che droga intesa in senso stretto (ovviamente non manca un riferimento all’abuso di sostanze stupefacenti) la serie parla del problema della dipendenza da qualunque cosa possibile.

E infatti che sia sesso, droga, marijuana, o alcol, il protagonista, Don Draper, è una persona che nella ricerca del suo io cade spesso vittima di dipendenze di ogni genere. È questa la vera droga del protagonista, il quale altri non è che lo specchio di una realtà troppe volte così triste. Ecco dunque che episodio dopo episodio vedremo sigarette di cannabis (vedi su TV Streaming Diretta le migliori serie tv a tema cannabis), LSD e trip allucinogeni.

Oz

Oz è una serie con ambientazione carceraria. Al centro della trama ci sono dei detenuti, appartenenti al braccio del “Paradiso”. Qui una cruda e realistica realtà si fa strada nella trama: i carcerati lottano tra loro per detenere lo spaccio di droga e il controllo gli uni sugli altri.

Il protagonista è Augustus Hill, detenuto che si trova rinchiuso nella prigione e che deve guardarsi ogni giorno le spalle dai pericoli che incombono all’interno di quelle mura da cui difficilmente potrà uscire. In quello che dunque sembra un vero e proprio inferno, Augustus si arrovella il cervello per capire se possa o meno esistere una via di fuga.

Disjointed

La serie tv Disjointed, in Italia conosciuta anche con il nome di Sballati, è una serie televisiva americana realizzata da ChuckLorre e David Javerbaum per Netflix.

La storia si concentra su una donna, anzi una mamma, che ha dedicato tutta la sua vita alla legalizzazione della marijuana. E dopo aver raggiunto il suo grande scopo, decide appunto di aprire un negozio per venderla con l’aiuto di suo figlio Travis.

Ma sarà proprio quest’ultimo a diventare dipendente della sostanza stupefacente venduta in negozio.

Torna in alto