In questo blog parlo dei film che ho più apprezzato o che mi hanno colpito maggiormente, con un occhio di riguardo per i generi solitamente più trascurati o più particolari. Appassionato di cinema fin da ragazzino, cresciuto a suon di Carpenter, Fulci, Cronenberg, Argento, Zio Tibia Picture Show e Ai confini della realtà, ingegnere informatico per necessità, gestisco questo blog nel quale raccolgo e pubblico periodicamente le mie recensioni ed i miei articoli a tema cinematografico.

Please note: tutti i film che vedrete recensiti su questo blog giuro solennemente di averli visti almeno una volta nella vita (e non è una cosa scontata, per un blog di cinema “medio” come il mio, credetemi).

Sono ossessionato dai meccanismi narrativi, e credo che nel genere horror o thriller rendano naturalmente al meglio. Devoto cultore di twist e doppi finali argentiani, cerco di scrivere con cognizione di causa, contestualizzando il discorso e cedendo spesso alla tentazione, irresistibile dal punto di vista di chi scrive, di proporre “pippe mentali”.

Tutti i diritti sulle immagini dei film citati appartengono ai rispettivi autori. Il blog viene mantenuto e concepito al puro scopo di critica, riscoperta, ricerca originale ed analisi dei lavori stessi, specialmente dal punto di vista narrativo.

Per informazioni, domande, curiosità e richieste scrivere a:

Chi sono

Bella domanda, vorrei saperlo anch’io.

Ingegnere informatico per passione, web writer per necessità, vivo e lavoro a Roma.

Ho conosciuto ed amato il web prima che diventasse il fenomeno di massa che è oggi, prediligendone l’aspetto tecnico ma senza trascurare quello contenutistico. Sempre pensato che sia troppo facile fare i fenomeni dietro una tastiera; infatti io provo sempre a fare il Fenomeno, ma ogni volta finisco per spaccare la tastiera a pallonate.

[…] La mia opera è la mia opera, punto e basta. Al limite potrei ringraziare il nutrito staff di quelli che non mi hanno rotto le scatole mentre lavoravo (D. Pennac, Grazie, 2004)

Le foto seguenti sono state scattate nel teatro dove ha sede il laboratorio teatrale de “I commedianti“, e sono opera di Anselmo Roberto Calcaterra – Photography.