10 film horror da vedere ad Halloween 2020

10 film horror da vedere ad Halloween 2020

La tradizione di Halloween imporrebbe quantomeno un’uscita, non per forza un party colossale in maschera ma, quantomeno, ritrovarsi con i buoni vecchi amici di sempre. Cosa che non sembra essere possibile per questo anno così atipico: e allora un buon film horror potrebbe, almeno in parte, consolarci.

Con buona pace di streghe, mostri, vampiri e serial killer, infatti, l’orrore è realmente tra noi per quest’anno, e forse qualche vecchio film potrebbe rispolverare una sana catarsi (o “purificazione” dell’anima) di cui un po’ tutti, forse, abbiamo bisogno.

Ed ecco a voi, senza altri indugi, la nostra selezione di film da riscoprire ad Halloween!

The gerber syndrome (M. Dejoie)

Questo film racconta di una misteriosa malattia che colpisce il cervello, che si manifesta in forma di influenza e che viene trasmessa mediante morso di individui barcollanti e minacciosi: la tagline di questo film del 2011, sicuramente uscito in tempi non sospetti ed ambientato a Torino, è semplice ed efficace: “è già tra noi“. Molti dettagli del film, visti oggi, potranno realmente risultare spaventosi, anche per via del taglio mockumentary che il film stesso possiede. Un film “del contagio” sicuramente da prendere in considerazione per questa notte.

“The Gerber Syndrome: il contagio” è spaventoso e, in parte, profetico

Pontypool  (McDonald)

Un horror unico nel suo genere perchè rielabora il tema degli zombi e lo declina in modo assolutamente inedito: certo, il rischio è che il contenuto possa risultare troppo auto-indulgente o “da intellettuali”, ma forse l’horror è anche questo, alla fine. Il clima post apocalittico iniziale è realmente da non perdere, e visto oggi fa ancora più paura.

“Pontypool”, quando l’horror si mette in cattedra e fa accademia

A mezzanotte possiederò la tua anima (José Mojica Marins)

Un classico dell’horror un po’ più vecchio, che farà sorridere gli appassionati che già lo conoscono e potrebbe incuriosire chi invece non ne sa nulla: Marins realizzò questo film auto-finanziandosi completamente, ed entrando nella leggenda grazie al suo personaggio dell’irriverente e teatrale becchino Zè do Caixao.

Un folle becchino del terrore: “A mezzanotte possiederò la tua anima”

Terrore nel buio (M. Pataki)

Terrore nel buio è una proposta di Amazon Video davvero interessante, che realizza un classico horror “a strati” in cui la realtà si svela un po’ per volta. Alla base di tutto vi è ancora una volta l’incubo per una malattia e per le sale operatorie, cosa su cui la storia insiste parecchio.

“Massacre Mansion” è un horror anni 70 da riscoprire

The ABCs of death II (AA.VV.)

Personalmente amo la sintesi e sono dell’idea che questa raccolta di cortometraggi horror sia davvero al di sopra della media. Mi riferisco al secondo episodio perchè il primo volume, in effetti, latita da qualche punto di vista, mentre il vol. 2 è praticamente quasi perfetto.

Se amate gli horror a episodi, “The ABCs of death 2” è perfetto per voi

31 (R. Zombi)

Il buon vecchio Zombi non sarà mai abbastanza osannato dal pubblico e dalla critica, eppure con questo 31 ha colpito nel segno e realizzato un horror frenetico, moderno e claustrofobico. Perfetto da vedere la notte di Halloween perchè, tra l’altro, è proprio ambientato in questo giorno.

“31” di Rob Zombi reinventa lo slasher in modo personale

Halloween – The beginning (R. Zombi)

La riedizione del classico di Carpenter “Halloween la notte delle streghe” è imperdibile da tantissimi punti di vista: ancora una volta Rob Zombi colpisce nel segno, ha visibilmente più mezzi del regista padre della saga e, peraltro, ha più mezzi a disposizione. Non ne fa un vanto, e anzi omaggia l’originale con una devozione considerevole.

“Halloween – The beginning” è un reboot pregevole (e con più mezzi di quelli di J. Carpenter)

Halloween II (R. Zombi)

Nonostante si tratti di un seguito che, in genere, tende mediamente a perdere smalto volta per volta nelle varie saghe dell’orrore, questo seguito di Halloween è ossessivo e spaventoso al punto giusto.

Perchè “Halloween II” di Rob Zombi è un buon horror

La città verrà distrutta all’alba (G. Romero)

In tempi di Covid-19 rivedere questo film di Romero, poco amato dalla critica e snobbato da parte del pubblico, dovrebbe essere doveroso: proprio perchè all’inizio vediamo sequenze profetiche, come gli inquietanti militari bardati in tuta bianca che vanno letteralmente a stanare le persone in casa a causa, guarda caso, di una pandemia. Non è il capolavoro che potrebbe sembrare ma di sicuro, visto oggi, fa la sua figura.

E finalmente “La città verrà distrutta all’alba” (G. Romero, 1973)

Halloween – La notte delle streghe (J. Carpenter)

Non potevo che concludere con il classico di Carpenter, a questo punto: un film citato e scopiazzato in innumerevoli salse, in grado di iniziare una saga di successo che perdura e vive ancora fino ad oggi. Questo film, nella sua semplice essenzialità e quasi del tutto privo di effetti speciali, è il padre incontrastato di un certo modo di fare cinema horror, e merita rispetto e devozione ancora oggi.

Lo slasher per eccellenza: “Halloween – La notte delle streghe”

Photo Credits: Łukasz Nieścioruk on Unsplash

Torna in alto