Guida pratica al sesso di gruppo a quattro (foursome)


Climax di Gaspar Noè racconta di un gruppo di ballerini che assume involontariamente LSD, e finisce una serata di commiato da colleghi in un clima degenerato e allucinatorio. Si tratta di un film nel novero di quelli suggestionati dalle urban legend, crudo, diretto, esplicito, vivamente personale, al limite dell’autoreferenziale, al punto che Noè pare abbia affermato di averlo girato per se stesso, senza pensare minimamente alle reazioni del pubblico. Lo script di Climax è basato su un copione di appena cinque pagine, e venne girato minuziosamente nella prima metà per concludere con un unico, interminabile shot dei 42 minuti conclusivi.

Ad un certo punto, durante quell’interminabile climax di confusione, lati oscuri che sbucano fuori dai personaggi ed interazioni sociali tra i personaggi, ci sono varie scene di sesso che vengono consumate in varie combinazioni, emergendo dall’inconscio del desiderio e dando l’impressione che probabilmente senza LSD non sarebbero mai pervenute o quantomeno non sarebbero state esplicitate. E se da un lato la nostra libertà sessuale sembra essere una lenta, inesorabile quanto sofferta conquista, essere omosessuali, bisessuali o polisessuali è pur sempre problematico da rappresentare. Perchè scandalizza, soprattutto se la dimensione erotica viene rappresentata nella sua essenza realistica, senza sesso patinato, con accenni di piacere che non sai bene se siano dolore o altro, con realismo al limite del cinismo, e con un amplesso veloce e feroce che si vede nelle ultime scene del film, quando la telecamera inizia a svolazzare nella stanza poco prima della conclusione del film. Fin dai tempi de L’impero dei sensi (amato anche da Jacques Lacan, il quale ebbe occasione di vederlo in anteprima durante una proiezione riservata) la rappresentazione del sesso nel cinema non è mai stata banalizzabile, eccezion fatta per le consuete commedie commerciali che sono riuscite, almeno in parte, a illudere che il sesso sia una sorta di videogame in cui si devono conquistare punti, superando mille insidie, per cui scopare diventa il bonus di fine livello.

Nella normalizzazione della dimensione erotica, per evitare di idealizzarla o farci l’idea perversa che principi, eroi, eroine e principesse non facciano sesso (a meno che, ovviamente, non guardiate Tromeo & Juliet) spiegare le varianti della foursome tanto di moda in questi giorni può essere d’aiuto. Se infatti la dimensione sessuale base rimane quella autoerotica (faccio sesso da solo, pensando veramente a chi mi pare), a cominciare da N>1 soggetti coinvolti il sesso acquisisce dei tratti progressivamente più complessi. Se nel nostro climax di N intero e positivo per cui N=2, ad esempio, abbiamo poche combinazioni (del tipo: donna-uomo, donna-donna, uomo-uomo), per N=3 sarà una threesome in cui sono possibili ancora più casi (donna con due uomini, uomo con due donne, donna con due donne, uomo con due uomini, per poi arrivare all’apoteosi con la tripletta in cui ci si dà piacere vicendevolmente), per N=4 le combinazioni semplici di potenziali interazioni di coppia diventare ancora più numerose, ed includono triplette o quadriplette. Il livello di interazione di ogni coppia nella foursome può cambiare, infatti, in modo sostanziale.

Di suo, la foursome si riferisce a una situazione in cui quattro persone partecipano a un’attività sessuale insieme. In genere, una foursome sessuale coinvolge due coppie di individui che scelgono di condividere un’esperienza sessuale condivisa, spesso in un ambiente consensuale e privato. Sebbene possa riferirsi a due persone indipendentemente legate sentimentalmente ad altre due, ad esempio, di solito implica che ognuna delle quattro persone abbia un qualche tipo di relazione sessuale con le altre tre. Le relazioni sono normalmente di amicizia, anche se romantiche. L’aggiunta di personaggi bisessuali o omosessuali aggiunge molte possibili combinazioni di sessi e di interazioni romantiche e sessuali.

Il caso banale, da manuale del perfetto borghese annoiato, è il wife swapping, lo scambio di moglie, che coinvolge tipicamente due coppie sposate ed eterosessuali, in cui ogni uomo scambia la propria moglie con l’altra e ha rapporti sessuali con lei. Di solito non c’è alcun contatto sessuale tra le due mogli o i due mariti, almeno non ufficialmente, per cui la possibilità di interagire ulteriormente varia ancora. Abbiamo poi la variante del cosiddetto soft swinging, in cui una coppia guarda l’altra coppia fare sesso, senza interazione di altro genere. Prima di arrivare alla gang bang che la maggiorparte di noi conosce, ce ne passa: abbiamo prima l’ Airtight seal, il “sigillo ermetico”, in cui sostanzialmente viene effettuato sesso vaginale e/o anale a una donna da due uomini in una doppia penetrazione (double penetration), mentre la donna esegue tipicamente una fellatio ad un terzo uomo (tre uomini e una donna). Nella variante quad, invece, lo scambio è paritario e reciproco (a volte anche romantico), e tutti fanno sesso con tutti a rotazione, senza distinzione. Nella pluricitata gang bang, infine, ci sono tre persone che fanno sesso con una quarta, di seguito e in successione, ed è un caso di foursome inclusiva, in quanto prevede sia sesso eterosessuale che omosessuale. Nella variante reverse gang bang, è l’uomo ad essere oggetto del desiderio di più donne.

Non tutti sanno, infine, che nel 1995 è stata formalizzata da Jim Evans la bandiera del poliamore, con un pi greco e i colori blu, rosso e nero, tra cui ricadono i casi di non monogamia consensuale.

Jim Evans, Copyrighted free use-link, via Wikimedia Commons

Foursome nel golf

La Foursome è una modalità di gioco che richiede una buona comunicazione e coordinazione tra i membri della squadra, poiché devono prendere decisioni rapide su chi colpirà i colpi successivi e quando. È una variante interessante del golf che richiede una strategia diversa rispetto al gioco individuale. Le regole per la Foursome sono effettivamente diverse dalle regole del gioco individuale. Ecco alcune delle principali caratteristiche della Foursome:

  1. Partenza: I due partner iniziano con un solo pallino. Uno dei due partner colpisce il pallino dalla partenza, e poi i due partner si alternano nei colpi successivi, senza importanza su chi abbia messo la palla inizialmente.
  2. Colpi alternati: Dopo il colpo iniziale, i partner si alternano nel colpire la palla. Ad esempio, il partner A colpisce il secondo colpo, il partner B colpisce il terzo colpo, il partner A colpisce il quarto colpo e così via.
  3. Terminare la buca: La buca è considerata terminata quando la palla è stata imbucata. I partner possono decidere liberamente chi colpirà il colpo finale per imbucare la palla.
  4. Regole del golf: Altre regole del golf, come fuori limite, palle perse e altre regole standard, si applicano anche nella Foursome.

Tieni presente che le regole specifiche possono variare a seconda del tipo di competizione (match play o stroke play) e delle regole locali o delle competizioni ufficiali. È sempre consigliabile consultare le regole specifiche della competizione a cui stai partecipando per assicurarti di seguire le procedure corrette.

Il nostro voto
Cosa ne pensi?
[Voti: 2 Media: 1.5]

Lipercubo.it is licensed under Attribution-ShareAlike 4.0 International - Le immagini presenti nel sito sono presentate a solo scopo illustrativo e di ricerca, citando sempre la fonte ove / quando possibile - Questo sito contribuisce alla audience di sè stesso


Il nostro network: Lipercubo.it - Pagare cose online - Trovare l'host .