Sui mostri che generiamo da soli
0 (0)

Il nostro voto
Cosa ne pensi?
[Voti: 0 Media: 0]

Jacques Lacan, psicoanalista francese influente del XX secolo, ha sviluppato una teoria psicoanalitica complessa, spesso influenzata dalle idee di Sigmund Freud. Lacan è noto per il concetto di “Specchio” e per la sua enfasi sulla linguistica e il simbolismo. Tuttavia, come con molte teorie psicoanalitiche, l’interpretazione di Lacan può essere complessa e aperta a diverse interpretazioni. Quindi, la seguente spiegazione è un tentativo di connettere alcuni concetti lacaniani con la creazione di “mostri” da parte dell’individuo:

Specchio e l’Altro:

L’idea chiave di Lacan è l’immagine speculare, in cui un individuo si specchia e sviluppa una percezione di sé in relazione a ciò che vede. Questo concetto è legato al concetto di “Altro”, che rappresenta sia la figura nel riflesso (l’altro come oggetto), sia l’altro come figura di autorità o legge sociale.

L’immagine ideale e il desiderio:

L’individuo, attraverso l’esperienza dello specchio, sviluppa un’immagine ideale di sé. Questa immagine ideale è spesso irraggiungibile e genera un senso di mancanza o incompletezza. Questa mancanza, secondo Lacan, può alimentare il desiderio e la ricerca di un’identità completa.

I “mostri” creati da noi stessi:

I “mostri” che creiamo potrebbero essere interpretati come rappresentazioni distorte di noi stessi, influenzate dalla nostra immagine ideale irraggiungibile. Possiamo sviluppare aspetti della personalità o comportamenti che sono una reazione e una distorsione della nostra percezione di noi stessi. Questi “mostri” potrebbero anche riflettere conflitti interni, lottando con le aspettative sociali, culturali o personali.

La simbologia del mostro:

Lacan potrebbe interpretare i “mostri” come simboli che rappresentano conflitti irrisolti, desideri repressi o aspetti nascosti della psiche individuale. Questi “mostri” potrebbero fungere da espressioni simboliche dei tentativi di negoziare l’identità e soddisfare il desiderio di raggiungere un’immagine ideale.

In generale, Lacan considerava la psiche umana come complessa, intrecciata con il linguaggio, il simbolismo e il desiderio. La creazione di “mostri” da parte nostra potrebbe essere vista come un riflesso di questa complessità e come una manifestazione della lotta per definire e comprendere l’io in relazione agli altri e al mondo circostante.

Il nostro voto
Cosa ne pensi?
[Voti: 0 Media: 0]

Lipercubo.it is licensed under Attribution-ShareAlike 4.0 International - Le immagini presenti nel sito sono presentate a solo scopo illustrativo e di ricerca, citando sempre la fonte ove / quando possibile - Questo sito contribuisce alla audience di sè stesso


Il nostro network: Lipercubo.it - Pagare.online - Trovalost.it.