Esiste un episodio dei Griffin in cui mettono Quahog in quarantena

Esiste un episodio dei Griffin in cui mettono Quahog in quarantena

L’episodio EACX03 dei Griffin sembra essere abbastanza profetico, e con diversi anni di anticipo, rispetto alla situazione che stiamo vivendo tutti per causa del virus. Come sappiamo, infatti, molti paesi europei tra cui il nostro sono in difficoltà per colpa di una pandemia da coronavirus, in attesa che si possa trovare una soluzione in tempi rapidi. Purtroppo al momento in cui scriviamo non sembra esistere alcun vaccino, ma se ci fosse sarebbe comunque un problema per qualcuno (tipo i novax)?

Se è vero che da tempi non sospetti italiani su 100 erano contrari a qualsiasi vaccino (dato del 2017), è chiaro che le cose sarebbero comunque complicate lo stesso: e questo episodio dei Griffin fornisce ironicamente più di uno spunto di riflessione.

Dopo una breve visita in ospedale, Peter e Lois si convincono a non vaccinare i propri figli, poiché (dopo una superficiale quanto convintissima analisi di alcuni siti web) porterebbe a gravi conseguenze fisiche: viene citato più volte il mito (errato) che i vaccini causino l’autismo, mentre Peter gira un demenziale spot per convincere le persone a non vaccinarsi.

Stewie non verrà vaccinato, nonostante le rimostranze di Brian (che rappresenta la parte progressista di una famiglia USA vagamente reazionaria, in genere), ed inizia una vera e propria crociata in città da parte dei due genitori. Dopo qualche tempo Stewie avrà contagiato tutti, e la città di Quohag verrà messa in quarantena. Ci penserà direttamente addirittura Sean Penn a salvare la situazione, paragonando la città di Stewie ad una del terzo mondo a livello sociale e culturale.

La satira contro la mentalità no-vax è esplicita ed evidente, ed è significativo che addirittura un cartone animato americano non esattamente progressista vi si sia scagliato contro.

Ci sono due ulteriori particolarità attorno a questo episodio (uscito nel 2016 negli USA e nel 2017 in Italia): la prima è la dinamica con cui i Griffin diventano novax, che è subdola al massimo. Peter ferisce accidentalmente Stewie che viene subito portato in ospedale. Il medico chiede se il bambino abbia già fatto i vaccini, e mostra un opuscolo informativo a Lois in cui vengono descritti i dettagli del loro funzionamento: la donna rimane terrorizzata da quello che legge (senza capirlo), e inizia a documentarsi su internet.

Scatta quindi il cortocircuito: Peter e Lois diventano no-vax, ed iniziano una crociata per cercare di convincere anche gli altri genitori. Poco dopo scoppia una vera e propria epidemia in città, che culmina con la polizia che invita le persone a rimanere a casa, e con tutti i negozi chiusi. Stewie nel frattempo scappa di casa ed inizia un viaggio per trovare un modo di vaccinarsi, ed incontrerà anche il suo alter-ego dal futuro, aggirandosi in una città completamente deserta.

Ma c’è una seconda particolarità ancora più clamorosa: un pipistrello entra in casa di Peter, che dovrà trovare i modi più assurdi e demenziali per mandarlo via. Impossibile, a questo punto, non pensare al pipistrello che avrebbe avviato il contagio da coronavirus che, ancora oggi, ci affligge e ci costringe a rimanere in quarantena.

Fenomeni (Hot Shots)

  • Diretto da: John Holmquist
  • Scritto da: David A. Goodman
  • Anno: 2016
  • Serie: 15
  • Episodio: 6 (EACX03)

Torna in alto