Vai al contenuto

Gioielli da uomo, alcuni consigli utili su come indossarli

Quando si parla di gioielli si fa sempre e comunque riferimento a un vero e proprio status symbol. Si tratta di un elemento che permette di trasmettere sensazioni ed emozioni senza la necessità di utilizzare le parole. Indossare dei gioielli, infatti, vuol dire anche mettere adeguatamente in risalto la propria personalità e il proprio carattere, senza la paura di mostrarsi per quello che si è veramente.

Per questo non deve stupire come i bijoux siano dei prodotti sempre più diffusi, non solo tra le donne. Ad esempio, un anello uomo rappresenta ormai qualcosa che si nota sempre più di frequente, visto che si indossano sia nella sfera privata che in ambito professionale e lavorativo. Ad ogni modo, è giusto mettere in evidenza come la scelta di un gioiello non è mai così banale e scontata come si potrebbe pensare.

Quali sono i gioielli da uomo più diffusi

Diamo uno sguardo a quelle che sono inizialmente le tipologie di gioielli da uomo che vengono indossati più di frequente. Si tratta degli anelli, delle collane e dei bracciali.

I bracciali. Nel caso dei bracciali, bisogna sottolineare come in realtà si tratta di elementi che fanno parte della moda fin dai tempi antichi. Basti pensare che gli stessi uomini preistorici cominciarono a indossare bracciali fatti di conchiglie e ossa con l’intento di allontanare gli spiriti maligni.

Diamo uno sguardo ora a qualche suggerimento utile su come si dovrebbero indossare dei bracciali preziosi da uomo. Visto che in commercio ce ne sono tantissime tipologie differenti, serve idealmente comprare dei modelli che siano in grado di abbinarsi alla perfezione agli altri gioielli che si hanno già a disposizione, così come ai vari capi d’abbigliamento con cui indossarli. Ci sono anche alcuni errori che vanno evitati il più possibile. Ad esempio, se avete intenzione di indossare non uno, ma diversi bracciali, il consiglio migliore da seguire è quello di evitare gli eccessi, perché è facile risultare esagerati e non molto eleganti.

Le collane. Anche in questo caso, bisogna tornare davvero lontano nel tempo per poter ritrovare le origini delle collane da uomini. Si tratta del periodo etrusco, grazie all’opera instancabile e certosina di quelli che si possono definire i veri e propri antenati degli attuali orafi e mastri artigiani italiani. Le prime differenze, però, tra collane da uomo e collane da donna si hanno solamente a partire dal Medioevo.

Indossare una collana non è così banale e semplice come si potrebbe pensare. Uno dei migliori suggerimenti da seguire più di frequente è quello di optare per dei modelli minimalisti, che si possono comodamente indossare non solamente sotto, ma anche sopra una maglietta, piuttosto che una camicia o, perché no, anche con una felpa. Dal punto di vista della lunghezza, un altro aspetto da ricordare è che una collana da uomo non deve mai andare oltre la parte centrale del torace, evitando al contempo che possa risultare eccessivamente stretta piuttosto che troppo aderente al collo. Tra gli errori da evitare in relazione alle collane da uomo c’è senz’altro quella di non osare in maniera eccessiva. Insomma, serve essere minimali, ma d’altro canto non si può e non si deve mai rinunciare alla propria personalità.

Gli anelli. Gli anelli erano indossati dagli uomini nelle epoche antiche molto più di frequente rispetto a quello che avviene oggigiorno. Il motivo è anche di carattere sociale e politico, dal momento che un tempo indossare degli anelli veniva identificato come un simbolo di appartenenza a una casata o una nobile famiglia. Al giorno d’oggi, invece, nella gran parte dei casi, l’anello viene indossato da un uomo come simbolo del matrimonio celebrato in precedenza.

Il nostro voto
Cosa ne pensi?
[Voti: 2 Media: 4.5]
Questo sito contribuisce alla audience di sè stesso
Il nostro network informativo: Lipercubo.it - Pagare.online - Trovalost.it.