Videogiochi che (non) rendono violenti, e uno studio l’avrebbe dimostrato
0 (0)

Il nostro voto
Cosa ne pensi?
[Voti: 0 Media: 0]

Recenti ricerche hanno brillantemente confutato l’antica credenza che i videogiochi violenti siano causa di comportamenti aggressivi, dimostrando piuttosto il loro potenziale nel ridurre lo stress e nell’incrementare l’autostima dei giocatori. Un nuovo studio finanziato dall’università del Lussemburgo rappresenta un ulteriore balzo in avanti nella comprensione del rapporto tra videogiochi e comportamento umano, sfatando così un mito radicato (e duro a morire) nella nostra società. La rilevazione che i videogiochi potrebbero avere effetti positivi sulla salute mentale è una svolta importante, che potrebbe contribuire a riorientare la percezione pubblica verso questi media e ad aprire nuove porte per la loro utilizzazione nel contesto terapeutico e educativo. Un singolo studio potrebbe non bastare e serviranno ulteriori indicazioni in merito, ma la direzione sembra segnata visto che non si tratta del primo articolo che sostiene qualcosa del genere.

La ricerca ha analizzato i livelli di cortisolo e testosterone su un campione di 54 volontari di sesso maschile, allo scopo di verificare sperimentalmente se giocare ad un videogame violento alteri i tratti della personalità in qualsiasi modo. Cinquantaquattro uomini hanno pertanto giocato a un videogioco (sss), rispettivamente nella sua componente violenta e non violenta (gruppo di controllo) per 25 minuti, fornendo un campione di saliva prima e dopo la fine del gioco. Per inciso, il videogioco in questione era Uncharted 4.

Nella condizione di esposizione al videogame violento i partecipanti hanno in realtà mostrato una diminuzione significativa dei livelli di cortisolo e una tendenza negativa significativa dei livelli di cortisolo. Inoltre, punteggi più alti di machiavellismo erano correlati a una diminuzione significativamente più forte del cortisolo in questa condizione. Nella condizione non violenta, invece, i partecipanti con punteggi più alti nel machiavellismo hanno avuto un aumento maggiore del cortisolo. A differenza dei cambiamenti nei livelli ormonali, non si sono verificati effetti significativi sulla cognizione aggressiva implicita.

I risultati illustrano la complessa interazione tra personalità, ormoni e contenuto del gioco, specificando ulteriormente le attuali nozioni sugli effetti dei videogiochi violenti (e smentendo qualche stereotipo diffuso che li vuole come relazione di causa-effetto). Giocare a un videogioco violento potrebbe pertanto avere un effetto opposto a quello che potrebbe sembrare, riducendo lo stress e rilassando l’organismo. Soprattutto, il fatto che l’esposizione ai videogiochi violenti non sia automaticamente correlata da un effetto di aumento dell’aggressività – sia pure su un piccolo campione – dimostrerebbe, secondo il ricercatore, che i semplici modelli di causa-effetto usati e abusati da mass media e presunti esperti non sarebbero sufficientemente specifici.

Il nostro voto
Cosa ne pensi?
[Voti: 0 Media: 0]

Lipercubo.it is licensed under Attribution-ShareAlike 4.0 International - Le immagini presenti nel sito sono presentate a solo scopo illustrativo e di ricerca, citando sempre la fonte ove / quando possibile - Questo sito contribuisce alla audience di sè stesso


Il nostro network: Lipercubo.it - Pagare.online - Trovalost.it.