Vai al contenuto

666

Nella tranquilla cittadina di Hollowbrook, sorgeva una vecchia chiesa di pietra chiamata la Chiesa dell’Anima Purificata. I suoi alti archi gotici e le vetrate colorate la rendevano affascinante agli occhi di tutti, ma c’era una storia oscura che circolava tra gli abitanti del luogo.

La leggenda narra che molti anni prima, un sacerdote misterioso era giunto nella chiesa, portando con sé un’inquietante atmosfera. Si diceva che avesse un occhio ferito e un’aria di segreto che faceva accapponare la pelle. Il sacerdote era solito trascorrere ore chiuse nella cripta della chiesa, raramente mostrandosi agli abitanti.

Un giorno, un giovane curioso di nome Thomas decise di indagare sulla veridicità delle voci che circolavano. Si infiltrò nella chiesa di notte, sperando di scoprire cosa accadesse realmente nella cripta. Mentre scendeva le scale buie e fredde, avvertì un senso di oppressione sempre più forte.

Raggiunta la cripta, Thomas vide una porta tra le ombre, con inciso un numero: 666. Era il numero del Diavolo, il segno del male. La porta era socchiusa e un debole bagliore rossastro filtra attraverso lo spiraglio. Thomas sentì un brivido lungo la schiena, ma la sua curiosità era più forte della paura.

Spalancò lentamente la porta e si trovò di fronte a uno spettacolo sconvolgente. Il sacerdote stava erigendo un altare stranamente decorato con simboli oscuri. Una luce tremolante proveniente da candele nere illuminava il luogo, creando ombre spettrali sulle pareti umide.

Ti potrebbe interessare:  La morte ti fa bella: cast, trama, informazioni

Il sacerdote si girò lentamente verso di lui, rivelando il suo occhio ferito e un sorriso malevolo sul volto. “Finalmente sei qui,” sussurrò con una voce che sembrava provenire da un altro mondo.

Thomas sentì il cuore accelerare e cercò di indietreggiare, ma sembrava che i suoi piedi fossero radicati al pavimento. L’aria intorno a lui si fece più densa, mentre il sacerdote iniziava a intonare parole incomprensibili.

Improvvisamente, il numero 666 iniziò a brillare sulla porta dietro di lui. Una forza oscura lo avvolse e Thomas cercò di urlare, ma la sua voce sembrava essersi persa nell’abisso.

La mattina seguente, i cittadini trovarono la Chiesa dell’Anima Purificata in fiamme. Le fiamme erano alte e distruttive, come se qualcosa di soprannaturale fosse accaduto lì dentro. Thomas scomparve misteriosamente e non fu mai più visto.

Da allora, la chiesa fu considerata maledetta e nessuno osò avvicinarsi. Il numero 666 sulla porta scomparve, lasciando dietro di sé solo un’ombra indelebile di terrore e mistero. E si dice che ancora oggi, di notte, si possa udire il flebile suono di un canto incomprensibile provenire dalle rovine della chiesa, un canto che sembra provenire da un’altra dimensione.

Il nostro voto
Cosa ne pensi?
[Voti: 0 Media: 0]

Usi un adblocker?

Non abbiamo nulla in contrario, ma ti saremmo grati se lo disabilitassi. Ti avvisiamo che usiamo popup invasivi e rispettiamo la tua privacy.

Refresh Page
x