I 10 film horror più anomali degli ultimi anni


A chi piacciono i film strani, imprevedibili, diversi dalla massa? Secondo me ci sono tantissimi appassionati di horror sopraffatti dalla noia, dalle solite trame, dalle consuete vittime urlanti e da un mondo di vampiri e zombi che molto presto sarà soppiantato da qualcosa di spaventoso quanto nuovo… e allora perchè non dare una possibilità al cinema “fuori dalle righe”?

Leggete qui sotto, e guardate i trailer dei 10 film consigliati in questa lista, e troverete ispirazione per nuovi horror da vedere che potrebbero esservi sfuggiti.

#10 Calvaire

Horror belga del regista Du Welz, è stata una vera sorpresa per tanti spettatori: soprattutto per la sua capacità di fronteggiare l’insolito e l’imprevisto, e di costruire una trama poco prevedibile e ricchissima di paura. Se volete gustarvelo in DVD, lo trovate qui. Recensione completa qui

https://www.youtube.com/watch?v=Hn3oba5HmH8

#9 Baskin

Un horror notevole e passato piuttosto sottogamba dalle nostre parti, e che merita invece una piena rivalutazione. A livello di contenuti, di mezzi e di ritmo sicuramente tra i migliori horror mai visti sullo schermo negli ultimi decenni. Recensione

#8 The butterfly room

Uno degli horror meglio realizzati degli ultimi anni (eccolo in DVD), in grado di rinnovare la tradizione del genere settanta/ottantiano senza stancare, senza violenza inutile e con un grande livello di tensione ed innovazione. Bello quanto orgogliosamente atipico e divertente. Leggi la mia recensione

#7 Martyrs (P. Laugier, 2008)

Uno degli horror più cupi e brutali degli ultimi anni: anche qui è il sottotesto a farla da padrone, incentrato su un sottotesto davvero crudele e terrificante, quanto realistico. Non è un film più atipico di molti altri horror, ma di certo si farà ricordare. Qui la recensione completa del film

#6 Begotten

Rivisto almeno 3 volte in questi anni, lo definisco una delle più assurde “mission impossible” mai viste per un appassionato di cinema: quasi completamente privo di dialoghi, è un delirio espressionista e psichedelico, girato volutamente con uno stile da cinema antico, in grado di giocare su una trama che si chiarifica solo alla fine.

Qui la recensione completa del film

#5 Suicide Club

Diretto nel 2002 da Shion Sono (uno dei più visionari registi giapponesi contemporanei, già noto per l’altrettanto terrificante Strange circus), Suicide Club è un film atipico su una tematica controversa (un’epidemia inspiegabile di suicidi a Tokio, tra adolescenti), che non mancherà di farvi saltare dalla sedia fin dalla prima sequenza.

Recensione qui

#4 Antichrist

Ad essere proprio sinceri definirlo horror sembra riduttivo, per un film del genere: eppure quello di Lars Von Trier rientra a pieno diritto nel genere, anche qui giocando su suggestioni psicologiche e con una forte componente sessuale (il sesso sembra coincidere quasi sempre con abuso, in Von Trier, per cui si può immaginare l’effetto finale sullo spettatore).

Qui la recensione completa

#3 Izo

Takashi Miike si butta su un horror filosofico molto dilungato e digressivo, molto ben realizzato visivamente e ricco di suggestioni di ogni genere: in esso, si racconta la storia di un samurai che viaggia nel tempo in cerca di sanguinose vendette.

Qui la recensione completa.

#2 Der Todesking

Impossibile non citare un film del genere all’interno di una lista di horror anomali: qui, per Buttegereit (regista tedesco noto per Nekromantik, horror morboso ai limiti dell’amatoriale, e per deliri splatter molto espliciti come Schramm) , è l’occasione per proporre un horror espressionista, che deve molto al simbolismo e che vive su una struttura sempice e brutale. Sette giorni, sette persone comuni, altrettanti modi diversi di morire.

Qui la recensione completa.

#1 Possession

Nulla a che fare con possessioni demoniache, stavolta: un vero e proprio dramma psicologico a tinte horror, quello di Zulawski, che si colloca in una posizione anomala per il periodo: un film horror dal tono introspettivo e ragionato, in cui la realtà viene rappresentata in modo completamente allucinato ed in cui i “mostri” interiori diventano mostri fisici, altrettanto orribili.

In una lista di film bizzari rimarrà al top della lista per molti anni, soprattutto per la sua compiutezza. Qui la recensione completa