Sliding doors è il film sulle piccole scelte determinanti
0 (0)

Il nostro voto
Cosa ne pensi?
[Voti: 0 Media: 0]

Titolo: Sliding Doors
Anno: 1998
Regia: Peter Howitt
Cast principale:

  • Gwyneth Paltrow nel ruolo di Helen Quilley
  • John Hannah nel ruolo di James Hammerton
  • John Lynch nel ruolo di Gerry
  • Jeanne Tripplehorn nel ruolo di Lydia
  • Zara Turner nel ruolo di Anna

Storia: “Sliding Doors” segue la vita di Helen Quilley, una giovane donna che sta affrontando una serie di sfide personali e professionali. La trama si snoda attraverso due diverse linee temporali, entrambe partendo dallo stesso punto cruciale: Helen sta per salire su una metropolitana. La narrazione si divide in due, esplorando come la sua vita possa prendere due direzioni diverse a seconda che riesca o meno a prendere il treno.

Trama di Sliding doors in pseudocodice

Inizio:

Definisci una protagonista, chiamiamola "Helen", e inizia il suo giorno normale.

Se (Helen perde il treno) {
// Ramo 1: "What if?"
Helen perde una serie di eventi successivi, inclusi incontri e situazioni.
Le scelte iniziano a divergere, formando una realtà alternativa.

Se (Helen non perde il treno successivo) {
// Scopre una realtà parallela
Helen vive una giornata diversa, con nuovi incontri e risultati.
Le due realtà si svolgono in parallelo, mostrando come piccole scelte possano cambiare il corso della vita.
}
} altrimenti {
// Ramo 2: "What if not?"
Helen prende il treno e continua la sua giornata secondo il piano originale.

Se (la sua giornata procede come previsto) {
// La storia continua seguendo il percorso originale.
Helen affronta le sfide e gli eventi previsti, senza deviazioni significative.
} altrimenti {
// La storia presenta deviazioni impreviste
A causa di nuovi eventi imprevisti, Helen si trova in situazioni inaspettate, formando una realtà alternativa anche in questo ramo.
}
}

Fine:

Sinossi: Nella prima linea temporale, Helen riesce a salire sulla metropolitana, ma appena inizia a sedersi, la storia si sposta in una direzione diversa. Helen arriva a casa prima del previsto e scopre che il suo fidanzato Gerry la sta tradendo. Questa scoperta porta Helen a ripensare la sua vita e a prendere decisioni diverse. Nel frattempo, nel mondo parallelo, Helen non riesce a prendere la metropolitana e la sua giornata continua come al solito. Le due linee temporali si intrecciano e mostrano come piccole scelte e circostanze possano portare a due vite completamente diverse.

Curiosità:

  • Il regista Peter Howitt scrisse la sceneggiatura dopo aver immaginato cosa sarebbe successo se avesse perso la metropolitana.
  • Inizialmente, il film era stato sviluppato come una commedia romantica, ma il tono fu cambiato in una direzione più drammatica durante la produzione.
  • Il film è noto per l’uso di flash forward e flash backward per far avanzare la trama.

Spiegazione dettagliata (presente spoiler): Nel primo scenario, Helen scopre l’infedeltà di Gerry e inizia una nuova vita. Trova lavoro in una società pubblicitaria, si fa nuovi amici, e alla fine inizia una relazione con James, un uomo che l’ha aiutata dopo una caduta accidentale. Tuttavia, alla fine, James muore in un incidente stradale e Helen è costretta ad affrontare la sua perdita.

Nel secondo scenario, in cui Helen non prende il treno, rimane all’oscuro dell’infedeltà di Gerry. La sua vita continua con lui, ma il loro rapporto si deteriora gradualmente. Alla fine, dopo una serie di eventi, Gerry si rende conto dei suoi errori e cerca di recuperare Helen, ma ormai è troppo tardi.

Il film esplora l’effetto farfalla delle piccole decisioni sulla vita e sul destino. Il titolo “Sliding Doors” fa riferimento alle porte della metropolitana che si aprono e si chiudono, creando biforcazioni nel percorso di Helen. La storia evidenzia come anche le minime differenze nelle scelte quotidiane possano portare a due realtà completamente diverse. Il film suggerisce che, anche se non possiamo cambiare il passato, dobbiamo affrontare le conseguenze delle nostre scelte e trovare il modo di andare avanti.

class Protagonista:
def __init__(self, nome):
self.nome = nome
self.incontra_qualcuno = False
self.evento_inaspettato = False

def ramo_what_if():
helen.perde_treno()

if helen.perde_treno_successivo():
# Scopre una realtà parallela
helen.vive_giornata_alternativa()
else:
# Continua con la storia principale
helen.continua_giornata()

def ramo_what_if_not():
helen.prende_treno()

if helen.giornata_prevista():
# Continua con la storia principale
helen.continua_giornata()
else:
# La storia presenta deviazioni impreviste
helen.enfrenta_evento_inatteso()

# Inizio della storia
helen = Protagonista(“Helen”)

# Ramo 1: “What if?”
ramo_what_if()

# Ramo 2: “What if not?”
ramo_what_if_not()

Il nostro voto
Cosa ne pensi?
[Voti: 0 Media: 0]

Lipercubo.it is licensed under Attribution-ShareAlike 4.0 International - Le immagini presenti nel sito sono presentate a solo scopo illustrativo e di ricerca, citando sempre la fonte ove / quando possibile - Questo sito contribuisce alla audience di sè stesso


Il nostro network: Lipercubo.it - Pagare.online - Trovalost.it.