“Ciao 2021” è il programma TV russo che parla dell’Italia a Capodanno (di nuovo) [ecco il VIDEO]

Mio Dio, ma parla di me! è un meme reso famoso in Italia dall’immagine del conduttore Jerry Scotti. Un qualcosa che potrebbe avere a che fare con la nuova tendenza di Youtube dell’anno appena cominciato, basata su un semplice “Ciao, 2021” per salutare l’anno che se n’è appena andato e dare il benvenuto al nuovo. Un video che proviene dalla Russia e che parla dell’Italia, naturalmente. Ma che cos’è più precisamente questo Ciao, 2021 di cui parlano tutti?

Il video si chiama Ciao 2021 ed ha macinato la bellezza di 2 milioni di visualizzazioni su YouTube al momento in cui scriviamo, visualizzazioni che sembrano continuare a salire vertiginosamente in pochi giorni. In questo caso l’effetto è garantito dal fatto che si tratta di un programma parodistico in onda sulla principale televisione russa, Pervyj kanal, ispirato vagamente al David Letterman Show e dal titolo Večernij Urgant. Il programma era stato annunciato già a dicembre dello scorso anno e la promessa è stata mantentua.

Il video è in lingua italiana sottotitolato in russo, in forma di edizione speciale, ed è stato trasmesso per la prima volta nel 2020 (all’epoca era, ovviamente, Ciao, 2020!); quest’anno si è replicato il 30 dicembre 2021 e naturalmente si chiama Ciao, 2021. Ve lo proponiamo da Youtube in forma integrale, in modo che possiate vederlo direttamente.

Il video dura esattamente un’ora e 12 minuti ed è letteralmente costellato di riferimenti all’Italia e alla cultura pop:

  • una poesia recitata da un bambino in italiano, premiato con un giocattolo (ovviamente di Pinocchio);
  • la TV che inquadra, inizialmente, il Colosseo;
  • CANALE UNO che presenta un programma inizialmente con STILE anni 80, MUSICA, RITMO e STILE sono le caratteristiche principali dello stesso, e poi parrucche dell’epoca, paillettes, campari, l’anno nuovo che verrà;
  • un riferimento parodico e grottesco al sessismo, con tanto di subrette che si indigna per essere sessualizzata e poi afferma che stesse solo scherzando, negli applausi generali;
  • vari ospiti musicali parodiati tra cui, ad esempio, Dario Giaracci;
  • non manca un riferimento, ad un certo punto, alla serie di grande successo Squid Game;
  • la puntata è interamente in italiano, doppiata in russo e dall’accento siculo che ricorda quello del doppiaggio ironico degli italiani nei Simpson e nei Griffin.

Si tratta di un vero e proprio talk show e varietà ricco di canzoni, riferimenti all’Italia e toni più che altro parodistici. Nella speranza che qualcuno non si offenda nel frattempo, sembra un format simpatico sul quale vale la pena spendere un po’ del proprio tempo libero.

 


Statistiche. Questo articolo contiene 402 parole. Questo blog esiste da 8,0 anni e contiene complessivamente 720.492 parole. Questa pagina è identificata dal codice univoco: c7e4-a7c6